Dimmi il tuo colore e ti dirò chi sei!

Stai per ristrutturare casa o rinnovarne l’arredamento? Allora, uno dei primi punti da stabilire riguarda la scelta del colore! Ogni tonalità deve ben accostarsi al tuo stile, ricreare una certa atmosfera e senz'altro riflettere la tua personalità. Puoi scegliere liberamente le combinazioni, ma se sei alla ricerca di un piccolo aiuto per personalizzare al meglio il tuo ambiente domestico, la psicologia del colore fa al caso tuo.

La psicologia del colore analizza gli effetti esercitati dai colori su stato d’animo e benessere individuale. Ogni tonalità è associata a sensazioni, emozioni e significati. Il colore è un veicolo attraverso il quale comunichiamo determinati stati d’animo, ma anche strumento influente sulla persona, perché può intensificare o attenuare una particolare sensazione.

E tu, di che colore sei?



Bianco

Purezza e spiritualità, ordine e pulizia. Somma di tutti i colori della luce. Il bianco simboleggia pace ed innocenza. Influisce in modo particolare sull'illuminazione: è capace di ampliare visivamente un ambiente ridotto e regala luminosità. È una soluzione ideale per qualsiasi spazio nel quale si voglia trasmettere serenità. Un colore che, senza dubbio, non passa mai di moda!



Nero

Assenza di colore. Potere, stile, mistero. Tradizionalmente il nero è associato all'oscurità e alla formalità. Questa nuance trasmette eleganza e raffinatezza. È consigliabile utilizzare il nero sulle pareti insieme ad altre tonalità, o sugli accessori, combinato a colori vivaci. Meglio evitare di utilizzarlo in grandi quantità in quanto assorbe la luce. 






Grigio

Equilibrio e raffinatezza. Il grigio è un colore neutro e non cupo, come spesso si è spinti a credere! Secondo la psicologia del colore, il grigio contribuisce ad enfatizzare i valori spirituali ed intellettuali. Trasmette sicurezza ed indipendenza. È una tonalità particolarmente adatta agli ambienti domestici, a patto di combinarla con colori più allegri!

Rosso

Passione, forza, energia. Il rosso risulta perfetto per i più estroversi. Possiede una forza naturale in grado di alterare il nostro sistema nervoso, perciò non è raccomandabile utilizzarlo nella zona notte o nelle stanze destinate al relax. Molto apprezzato per i complementi d’arredo e su piccole porzioni della parete.






Arancione

Vivacità, ottimismo. L'arancione rilassa il sistema respiratorio, favorisce l’interazione sociale e stimola l’appetito. È bene utilizzarlo nelle stanze conviviali, dove si riunisce la famiglia, come il salone o la cucina.

Giallo

Allegria, calore, buon umore, creatività. Questo colore rappresenta l’energia solare e stimola il metabolismo. È associato all'attività mentale e agisce come antistress. È la tonalità ideale per tutti quegli ambienti nei quali vogliamo rimanere attivi, quali lo studio o l’ufficio, sebbene trovi largo impiego anche in altri spazi quali la cucina o il soggiorno. Conferisce luminosità alle zone più buie della casa, come il corridoio o camere prive di finestre.





Verde

Natura, tranquillità, salute. È considerato uno dei colori più equilibrati. Può essere utilizzato in qualsiasi ambiente; in particolare, nel bagno pare torni utile integrare qualche asciugamano o complemento di questo colore, poiché purifica e dona energia al corpo.









Viola

Mistero, intuizione. Il viola andrebbe utilizzato con moderazione: è raccomandabile limitarsi ad una sola parete, evitando di estenderlo all'intera stanza. Associa l’effetto stimolante del rosso con il potere tonificante dell’azzurro. Nella tonalità più vicina all'azzurro, è ideale per spazi dedicati alla meditazione.

Blu

Produttività, fiducia. Il blu è un colore freddo, dunque, è consigliabile combinarlo con tonalità più calde per equilibrare la sensazione di freddezza che trasmette.

Rosa

Femminilità, delicatezza, grazia. È un colore emotivo, ideale in ambienti al femminile e/o dedicati ai bambini. Oggi è molto apprezzato nell’arredamento d’interni, anche grazie alle possibilità di scelta tra le svariate tonalità disponibili.

Marrone

Natura, accoglienza. Il marrone è una nuance calda. La sensazione principale di un locale decorato in questa tonalità è la comodità, pertanto trova largo uso in saloni e camere da letto, dove può essere combinato con qualsiasi altro colore grazie alla sua neutralità.




Il divano e i suoi cuscini

I cuscini, nella loro versatilità ed eleganza, sono dettagli d'arredo indispensabili per i nostri interni.

Nella zona living e in camera da letto, i cuscini non hanno unicamente il ruolo funzionale di rendere comodo e confortevole l'ambiente. Essi oggi assumono un fondamentale ruolo decorativo.
Vi piacerebbe vestire il vostro divano di cuscini ma non sapete come sceglierli e abbinarli all'arredamento di casa? 
Ecco per voi alcune idee e possibilità sulle modalità di accostamento delle textures, in armonia con una tinta unita.

1. Uscire dalla tinta unita con nuances delle stesse tonalità, solo chiare.



2. Uscire dalla tinta unita con nuances delle stesse tonalità, solo scure.



3. Uscire dalla tinta unita con nuances delle stesse tonalità, chiare e scure.



4. Uscire dalla tinta unita con nuances delle stesse tonalità, saturate e desaturate.



5. Uscire dalla tinta unita colorata con una tinta neutra, chiara per dare luce, leggerezza e togliere peso; scura per riempire dare peso e massa.



6. Stessa tonalità, tessuti diversi.







7. Variare tonalità, tessuti, forme e dimensioni senza coprire del tutto la forma del divano retrostante e facendo attenzione alle altre textures presenti nell'ambiente (tende, quadri, tappezzeria).



Seguendo i consigli di un professionista dell'interior, imparerete a giocare con l'energia dei colori, la freschezza dei materiali e le stampe; capirete come coordinare le gradazioni cromatiche e darete un tocco di personalità ai vostri interni. Vi stupirete del risultato: una casa senza dubbio unica ed originale!

Segui i consigli di Antonella Mangiaracina Interior Designer 




Un ambiente raffinato in stile fusion

Questo progetto riguarda il restyling di una sala - studio.

La parte più creativa dell’Interior Design è ridare vita ad un ambiente, elaborando nuovi stili.
Il segreto è lavorare con forme, colori, accostamenti, illuminazione, textures, mobili e complementi: questi gli strumenti con i quali si può cambiare faccia ad un interno, rendendolo molto più accogliente e gradevole per chi lo vive.



L'accostamento del design moderno ad un legno più classicheggiante e vintage, accuratamente restaurato, completa lo spazio con personalità e stile.
L'eleganza di uno chandelier rende l'ambiente particolarmente raffinato.



Alle nuances neutre di divano, tappeto e pareti, viene accostata una tonalità del blu balena, un colore particolarmente elegante e moderno.
Il blu è il colore della profondità dell’acqua ed è molto rilassante; è il colore dell’eleganza, un tono che distende se scaldato con qualche altro elemento (legno).
Il neutro qui è lo sfondo ideale per sostenere ed equilibrare la percezione visiva.









In questo progetto, bene si mescolano differenti stili di arredo e complementi.
Il risultato è uno stile fusion: una gradevolissima combinazione che lega con armonia lo stile moderno della seduta, dei punti luce e del divano con lo stile più classico, vintage, di mobile, quadri e scrivania.

I colori e le texture godono della stessa tendenza fusion, aggiungendo un tocco in più che rende questa stanza unica ed originale.


Cliente soddisfatto!



Progetto realizzato da Antonella Mangiaracina

Un Natale fai da te!

Non ti va' di utilizzare i soliti addobbi industriali? Vuoi rinnovare un oggetto decorativo forse vecchiotto e rovinato? Dai spazio alla tua fantasia e realizza creazioni fai da te originali per vestire la tua casa durante il periodo natalizio! 

Ecco alcune semplici idee per i più creativi 

Utilizza pigne, aghi di pino e del tessuto dorato per rinnovare e riutilizzare, come ho fatto io, un vecchio Babbo Natale dimenticato in fondo ad uno scatolone.









Trova ispirazione dagli elementi naturali, crea dei centrotavola di Natale con pigne, bacche, cannella, pungitopocastagne e noci.
Spruzza d’oro pigne, noci e castagne; lega la cannella intorno a delle candele colorate, con dello spago. Disponi tutto su un piatto o su un vassoio nel modo che più ti aggrada ed ecco pronto il tuo centrotavola!












Procurati della lana colorata: il rosso, il verde e il dorato sono i colori natalizi per eccellenza.
Arrotola un cartoncino, formando un cono, e cospargi la superficie con della colla vinilica o con dello scotch biadesivo. 
Inizia ad arrotolare con molta pazienza il fil di lana.
Decora il tuo alberello come più preferisci: utilizza pietrine, chiodini e fiocchetti.
Vedrai che risultato: un fantastico alberello di Natale personalizzato, senz'altro esclusivo!



Gioca con la tua creatività e la tua casa natalizia sarà senz'altro unica ed originale!

Buone Feste da Antonella Mangiaracina Interior Designer

Progetto Cucina - Living

L'opzione abitativa dell’open space è sempre più apprezzata.
Uno spazio del tutto, o quasi, privo di divisioni, trasmette libertà, luminosità e leggerezza.
Oggi l’approccio progettuale è quello di uniformare l’ambiente: risulta dunque fondamentale scegliere texture, tonalità e complementi d'arredo che si abbinino perfettamente fra loro.

In particolare, questo nuovo progetto riguarda la ristrutturazione di una zona giorno con la realizzazione di una zona cucina - living in un appartamento di circa 90 mq. 
La giovane coppia destinataria ha richiesto un ambiente assolutamente privo di separazioni, con cucina a vista e comoda zona relax- tv.

Primo passo: rilevamento e quotatura del locale in questione.
Secondo passo: capire esattamente i gusti e le esigenze dei committenti.
Passo successivo: realizzazione del concept board, per chiarire le scelte di texture, nuances e principali complementi d'arredo.

Per questo open space è stato scelto il giallo come stimolo dominate: il colore del sole, trasmette gioia, ravviva l'atmosfera e illumina la stanza. Per la sua naturale vitalità, accostato a tonalità più neutre, il giallo è perfetto per cucine e sale da pranzo, capace di creare un'atmosfera confortevole e accogliente.
La particolare carta da parati, oggi molto apprezzata, con la sua perfetta cromaticità, conferisce un tocco di originalità all'ambiente.

I clienti hanno espressamente richiesto un grande frigo a vista per la zona cucina, per questo è stata progettata una parete a mezz'altezza alle spalle del divano: essa servirà a nascondere il frigorifero rispetto alla zona living circoscrivendo, dunque, ancor di più, la zona relax rispetto alla zona cucina.
Anche i tappeti avranno la stessa funzione di marcatori di confine tra zona living e zona pranzo.



In un open space con cucina a vista, l'ambiente deve essere ordinato e funzionale. È fondamentale che gli arredi dialoghino tra loro.

In questo progetto si fondono sapientemente differenti stili di arredo e di decorazione.
Il risultato è uno stile fusion: uno speciale mix sorprendentemente gradevole, capace di unire con armonia lo stile più moderno della cucina con quello più classico e tradizionale del particolare tavolo della zona pranzo.
I colori, come le linee d'arredo, godono della stessa tendenza fusion, aggiungendo un tocco in più che rende questo open space un ambiente unico ed originale.

Clienti soddisfatti!

Sito web: antonellamangiaracinainteriordesigner.blogspot.com


Progetto realizzato da Antonella Mangiaracina







Abbinare i colori in casa

Abbinare i colori in casa non è semplice come sembra: se vuoi utilizzare due tinte può risultare difficile trovare una combinazione che ti soddisfi. Se vuoi accostare più di due nuances, la scelta sarà ancora più complessa.

Quando si arreda un’abitazione, la scelta dei colori è sicuramente una delle più grandi sfide da affrontare. Nell' Interior Design il colore è fondamentale: scegliere un determinato accostamento cromatico può dare logicità ad un progetto o, al contrario, rovinare interamente un interno.

Di che colore tinteggiare le pareti della tua casa per avere armonia con l'arredamento?
Come puoi scegliere la giusta carta da parati per il tuo Living? Come puoi comprare la tenda giusta da appendere su una parete già tinteggiata o viceversa?
Quello che devi fare è seguire alcune semplici regole e tenere a portata di mano il cerchio cromatico. Sarà uno strumento al quale non riuscirai più a rinunciare.




L’ abbinamento monocromatico consiste nell'accostamento delle varie sfumature di una stessa tonalità. Quello che cambia sarà solo luminosità e saturazione del colore.


Nell'abbinamento colori analoghi si accostano colori che sono vicini tra di loro sulla ruota dei colori per ottenere abbinamenti armonici. L'effetto finale dipende da quanto sono distanti tra di loro i colori che vengono mescolati. Più ampia è la distanza, più intriganti saranno le combinazioni create. Infatti è importante che il contrasto tra i vari colori sia sufficiente. Colori troppo simili daranno un effetto abbastanza monotono alla stanza.



Lo schema colori complementari è composto dai colori che si trovano opposti gli uni agli altri nel cerchio cromatico, ad esempio verde e rosso. È una combinazione basata sul contrasto. Il fine di tale abbinamento è quello di richiamare l'attenzione. Colori complementari sono giallo e viola, arancione e blu, rosso e verde.


Una triade di colori, invece, è composta da tre colori equidistanti sul cerchio cromatico ad esempio giallo, blu e rosso. Tale schema rappresenta una via di mezzo tra colori analoghi e complementari, ma viene utilizzato per ottenere contrasto visivo. Occorre dosare con attenzione una triade di colori per non esasperare l’accostamento. Per creare un abbinamento cromatico armonioso, uno dei colori deve dominare sugli altri due.






È sempre possibile aggiungere altri colori al principale quando ci si sposta da una stanza all'altra. Una volta selezionata una combinazione di nuance per l’ambiente principale, scegli una tonalità principale da essa per portarla in tutta la casa. Richiama anche il più piccolo dettaglio, texture, materiali, oggettistica e qualsiasi particolare. Questa tecnica manterrà l'arredamento della tua casa armonioso, equilibrato e molto gradevole.

Per qualsiasi consiglio o informazione contatta Antonella Mangiaracina InteriorDesigner.






Devi arredare la tua casa? Ecco gli errori da evitare

Devi ristrutturare, ma non riesci a trasformare le tue idee in un progetto concreto?
Le case degli altri sono sempre più originali della tua? Alcune scelte fatte non si sono rivelate così efficaci come ti aspettavi? 
In effetti accade spesso.

Quando si arreda un interno è facile imbattersi in alcuni classici errori che, siano essi piccoli o grandi, ne rendono difficile la vivibilità. 
Dal monocromo all'uso di troppi colori, dal comprare tutto e subito all'esasperata ricerca del total look, dai quadri che stonano con lo stile alle proporzioni non mantenute: questi gli errori d'arredamento più diffusi.

Perché impiegare una grande quantità di tempo e denaro se è possibile eludere uno sbaglio in partenza? Seguendo i suggerimenti di un professionista sarà possibile evitare alcuni degli errori più comuni nell'arredamento e prevenire cambiamenti problematici e tardivi. 
Ecco per te la mia lista dei “Mai Più”. 

Mai più immagini delle riviste

Le riviste sono fonte di ispirazione, ma pensare di poter ricreare in casa esattamente la tua foto del cuore, è un grande errore. Non tutto quello che viene proposto sulla carta è appropriato a un posto da vivere o adeguato alle caratteristiche architettoniche e allo stile di un’abitazione. 

Mai più senza metro


Un tipico errore è inserire mobili troppo grandi in piccoli spazi o viceversa.
Metro in mano allora! La proporzione è fondamentale e bisogna introdurre un mobile per volta. E che dire del meraviglioso divano che hai acquistato? Stupendo, ma se non passa attraverso porte o finestre, dovrai rinunciarci. Ecco perché è importante la misurazione e la pianificazione di ogni singola disposizione.





Mai più total look

Uno stile può essere perfetto per una stanza ma inadatto ad un’altra. Pensare di dare alla tua abitazione un unico look porta a risultati deludenti. L’ideale è scegliere un ambiente e caratterizzare quello, riservando agli altri locali un look più neutro.

Mai più senza o con (troppo) colore

Il colore è parte essenziale dell’arredo, attenzione però ad usarlo con moderazione, per non trovarsi a vivere in una casa che stuferà in poco tempo. L'ideale è accostare una gamma di neutri come beige, grigio, tortora a un paio di tinte più accese, considerando l’utilizzo della stanza.
Una parete colorata e textures accese catturano l’attenzione. I colori stravaganti possono fare la differenza ma devono essere usati con criterio.
D’altro canto, anche eliminare il colore sarebbe un errore. Scegliere il bianco come tinta unica o dominante rende l’ambiente freddo e impersonale. Il bianco funziona negli ambienti molto illuminati, ma non ha il potere di creare spazio e luce dove non ce ne sono. In questi casi le tonalità più calde risultano più piacevoli.






Mai più una sola luce

La luce artificiale è tanto importante quanto quella naturale. Sbagliare l’illuminazione scegliendo lampade troppo fredde o abbaglianti può avere un effetto disastroso. Bisogna studiare un progetto di illuminazione che valuti l'inserimento di più punti luce e non una sola centrale. Fondamentale quindi l’utilizzo di lampade da terra, tavolo e parete, per creare atmosfere accoglienti in ogni momento della giornata e per qualsiasi esigenza.






Mai più texture sbagliate

Come scegliere tessuti, tende e tappeti?
Ebbene non esagerare negli accostamenti arditi di textures e trame appariscenti: si rischierebbe di soffocare gli ambienti e scivolare nel cattivo gusto.
Quando si scelgono le tende bisogna prestare attenzione a non sceglierle troppo lunghe o troppo corte: entrambe romperebbero l’equilibrio della stanza.
Il tappeto è un complemento spesso trascurato. La visione che offrono quei minuscoli tappeti che non riescono a contenere neppure un tavolino da caffè, è sgradevole. Molto apprezzato, invece, l’impatto visivo che regala un grande tappeto capace di accogliere tavoli, divani e letti. I tappeti di grandi dimensioni hanno un aspetto ricercato e fanno apparire più ampia una camera.





Mai più acquisti frenetici

La tentazione di voler riempire velocemente una casa è forte, ma ricorda che un arredamento che rispecchi davvero la tua personalità si crea nel tempo. Questo è l’errore più comune. Punta quindi sulla scelta del minimo indispensabile e fai crescere il tuo nido poco per volta, riempiendolo di esperienze e ricordi, non di oggetti anonimi e banali.
Troppa fretta nell’arredare fa sì che l’ambiente risulti poco accogliente, impersonale e privo di gusto. E’ fondamentale prendersi il tempo necessario e scegliere quando si è ispirati. Mescola stili diversi e crea un ambiente personalizzato. 

Mai più tutti gli arredi contro le pareti

Il divano contro un muro, l’armadio contro l’altro. In molti tendono a sistemare tutti i mobili contro le pareti. Spesso l’effetto è monotono e lo spazio libero al centro eccessivo.
Posiziona, invece, due divani nel centro, creerai un living; disponi una libreria di traverso, produrrai un divisorio.





Mai più finestre e pareti ingombrate

Attenzione a non ostruire l'accessibilità delle finestre con mobili che ne impediscono l'apertura o che limitano l’accesso di aria e luce. La disposizione di sedie, tavoli, librerie, divani deve tenere conto della presenza delle finestre e della loro accessibilità.
Le superfici verticali delle pareti rappresentano una grande risorsa. Qui trovano collocazione mensole, quadri, vari oggetti decorativi. Anche in questo caso, però, attenzione a non esagerare perché possiamo ottenere il risultato contrario: disordine e caos.

Mai più quadri inadatti

I quadri sono una risorsa facile ed immediata, ma devono essere scelti in base all'arredamento della stanza, per soggetto, tonalità, materiale, forma e colore della cornice. Trascurando questi aspetti essi svalorizzeranno l’interno. No alle stampe singole e di dimensioni ridotte sopra un mobile decisamente imponente e viceversa.



Mai più numeri pari

Anche il design è matematica. Un gruppo di due o quattro oggetti appare irregolare. Creare una composizione con un numero dispari di complementi d’arredo risulta più armonioso. Se giochiamo con altezze e forme diverse, il risultato finale sarà eccezionale.

















Voglio lasciarti con un consiglio: mai trascurare le tue necessità

Sembra banale ricordarlo, ma nell’arredare non devi mai dimenticare le tue esigenze perché tu vivrai la tua casa, nessun altro. Chiediti dunque di che cosa hai davvero bisogno. Quello che ti colpisce a prima vista può rivelarsi non pratico e nella vita di tutti i giorni ti irriterà più di quanto non ti renda felice. L’estetica non è tutto, nell’arredamento la funzionalità ha un ruolo ugualmente importante. Privilegia mobili e complementi in grado di coniugare al meglio gusto personale e praticità.

Per qualsiasi consiglio o informazione contatta Antonella Mangiaracina InteriorDesigner.